Che cos’è una Sitemap per siti web e perché è importante?

5th Apr 2022

Tempo di lettura: 4 minuti

Le aziende online hanno tutte principalmente un obiettivo: essere visibili suoi motori di ricerca con il proprio sito web. Ma che ruolo giocano la sitemap in questo?

Quando si progetta un sito web è importante pensare alla sua ottimizzazione in ottica d’indicizzazione per aumentare le visite, il traffico e le conversioni a vantaggio del business e della crescita del brand.

La creazione di una mappa del sito permette non solo di guidare gli utenti nella ricerca dei contenuti di loro interesse, ma anche di semplificare la scansione delle pagine web da parte dei motori di ricerca, ottimizzando la comprensione e la catalogazione dei contenuti e migliorandone il posizionamento.

Sommario

 

Cos'è una Sitemap?

Una sitemap è un file in cui vengono elencate tutte le pagine di un sito web, secondo una gerarchia che viene impostata in fase di creazione. Essa è simile ad un indice di un libro e fornisce informazioni su come il sito è costruito e sugli argomenti più importanti che contiene.

Originariamente, la mappa di un sito web serviva esclusivamente ad agevolare la navigazione degli utenti tra le pagine, come una vera e propria mappa, ma oggi è estremamente utile anche per supportare la loro indicizzazione sui motori di ricerca. Attraverso la sitemap, infatti, è possibile comunicare ai crawler come Googlebot quali URL del sito web devono essere scansionati, le gerarchie e le correlazioni tra i vari elementi, le ultime modifiche effettuate e gli aggiornamenti.

Esistono due principali tipologie di sitemap, contraddistinte dal differente formato:

  • 1. Sitemap HTML, ossia una pagina in HTML dove vengono riportati tutti gli URL delle pagine del sito;
  • 2. Sistmap XML, ovvero un file in formato XML nel quale viene indicata la struttura del sito web.

La sitemap HTML è la prima ad essere “inventata” e, come abbiamo già detto, serviva principalmente per guidare gli utenti nella ricerca dei contenuti, migliorando la loro user experience. Il file in XML è, invece, stato pensato nel 2005 proprio da Google per facilitare la scansione da parte dei crawler dei siti web e consentire una corretta indicizzazione delle varie pagine.

I file sitemap di un sito web possono essere creati e aggiornati sia in modo manuale che automatico, grazie all’utilizzo dei plugin e delle estensioni per i software CMS. L’aggiornamento automatico della mappa del sito è sicuramente preferibile quando esso ha molti contenuti e viene modificato frequentemente, ma potrebbe leggermente peggiorare il tempo di caricamento del sito (PageSpeed), come può avvenire per ogni plugin.

Perché hai bisogno di una sitemap?

I motori di ricerca come Google non possono scansionare ed indicizzare ogni singola pagina e voce di ogni sito web. Ecco perché da qualche anno si utilizzano dei file contenenti le mappe dei siti web per agevolare il lavoro di scannerizzazione.

Non sempre, infatti, la creazione dei contenuti in modo coretto, con l’utilizzo delle giuste keyword, e l’inserimento di Title Tag e Meta Description bastano ai crawler dei motori di ricerca per individuare e posizionare correttamente i contenuti. I bot dei brawser potrebbero comunque faticare ad indentificare gli argomenti più rilevanti e perdere qualche pagina nella scansione.

Attraverso la sitemap, invece, l’attività di scansione dei crawler viene nettamente semplificata e migliorata. Grazie alle informazioni contenute nel file di mappa, i motori di ricerca riescono ad ottenere una panoramica di tutti i contenuti disponibili nel sito e ad eseguire una scansione più efficiente delle pagine, senza tralasciarne nessuna.

Le sitemap sono, dunque, molto utili per migliorare il posizionamento a livello SEO, perché rendono più facile l’individuazione delle pagine da parte dei motori di ricerca e, di conseguenza, la loro classificazione. Questo vale soprattutto per i siti molto grandi, dove non solo è fondamentale comunicare tutte le pagine che ne fanno parte, ma anche quelle considerate più importanti.

Attraverso la mappa del sito possiamo, inoltre, informare i motori come Google della creazione di pagine nuove o di quelle che sono state aggiornate di recente, in modo che le nuove informazioni non vengano perse nelle scansioni e che i contenuti vengano indicizzati correttamente.

La creazione di una mappa è consigliata anche quando si crea un sito web nuovo, che non hanno ancora molti backlink in ingresso. Questi link, presenti su domini diversi, che rimandano al proprio sito web sono un fattore importante non solo per il posizionamento sui motori di ricerca, ma anche per consentire ai crawler di trovare il sito.

Quando un sito web è nuovo i link di collegamento da altri domini certificati mancano, ma possiamo farci aiutare dalla sitemap per comunicare ai browser che il sito esiste e che deve essere indicizzato.

Infine, l’utilizzo della sitemap è consigliata per quei siti web che utilizzano contenuti multimediali, come immagini, grafiche, video, podcast e musiche. Inserendo delle informazioni relative a questi contenuti nel file con la mappa, i motori di ricerca le leggeranno e utilizzeranno le annotazioni ai fini della ricerca.

 

Vuoi beneficiare anche tu di una scansione migliore per il tuo sito web da parte dei motori di ricerca? Contattaci a mkt@shoptheory.it, saremo lieti di aiutarti.

 

Valentina Lovise

Ultime dal blog